venerdì 28 febbraio 2020

CORONAVIRUS: E RITORNA UNA EPIDEMIA CHE PENSAVAMO SCOMPARSA: LA CERTYFICATITE :-(

CORONAVIRUS: E RITORNA UNA EPIDEMIA CHE PENSAVAMO SCOMPARSA: LA CERTYFICATITE :-(Oggi Il Presidente della Repubblica Mattarella ha dichiarato: "dobbiamo avere fiducia nella scienza". Mi chiedo, e vi chiedo, allora perché è stato ripristinato con un DPCM (decreto del Presidente del Consiglio de4i Ministri) l'obbligo di certificazione per rientro a scuola, per malattia, dopo 5 giorni di assenza ?? Certificato di dimostrata inutilità ( Leggete articolo qui sotto) e, in questi giorni, di rischio per potenziale contagio per chi si reca nelle strutture sanitarie?Preciso che è richiesto solo a coloro che sono stati assenti qualche giorno prima della chiusura "per ordinanza"..vero..ma non sono pochi i bambini ammalati in quanto siamo ancora in piena epidemia di influenza, di virus vari e di gastroenteriti.Oggi un collega mi ha riferito di aver dovuto visitare oltre 45 bambini solo per la certificazione per il ritorno a scuola. Nei giorni precedenti tutti i sanitari, su indicazione del Ministero della Salute, avevano cercato di evitare sovraffollamenti nei loro ambulatori (triage telefonico, appuntamenti ecc.).Particolarmente divertente, si fa per dire, che ancora non si sa se lunedì le scuole riapriranno ma sabato e domenica i medici curanti (pediatri e medici dimedina generale) non sono in servizio per cui si è aperta la "caccia al certificato". COMPLIMENTI a chi gestisce.https://ferrandoalberto.blogspot.com/2014/04/aboliti-finalmente-i-cretificati-di.html










mercoledì 26 febbraio 2020

Coronavirus, bambini. Cerificati per riammissione a scuola

Coronavirus, bambini. Cerificati per riammissione a scuola
Precisazioni su:
1) CERTIFICATI di riammissione a scuola
2) DANNI ALLASALUTE FISICA DEI BAMBINI
3) DANNI ALLA SALUTE MENTALE E ALL'EQUILIBRIO DEI BAMBINI

1) CERTIFICATI DI RIAMMISSIONE A SCUOLA
Il 25 febbraio un DPCM (Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri) stabilisce che per il rientro a scuola dopo 5 giorni per malattia serve un certificato medico. 
Stupisce che si chieda una cosa inutile (al momento della visita uno può star bene ma essere in incubazione...ci vorrebbe una sfera di cristallo per prevedere una malattia in incubazione. Non solo dopo 5 giorni la maggior parte delle malattie infettive non sono più contagiose).
INOLTRE SI DEVE FAR FREQUENTARE AL BAMBINO L'AMBULATORIO MEDICO IN QUANTO I CERTIFICATI MEDICI POSSONO ESSERE RILASCIATI SOLO DOPO VISITA (Salvo casi di deroghe eccezionali fatte appunto per l'INPS ai medici di medicina generale evitare di sovraccaricare il lavoro e di metter, potenzialmente a rischio la salute delle persone).
Qualche precisazione pratica:
1) Il 12 rientrano SENZA CERTIFICATO
2) Serve per assenze superiori a 5 giorni PER MALATTIA. Vuol dire che al 6 giorno si rientra senza certificato che serve se si rientra al 7 giorno!!!(vedete allegato ove anni fa il DG aveva ben spiegato (dopo anni che glielo avevamo spiegato)  cosa vuol dire assenza per più di 5 giorni per malattia)
3) Per assenze per altri motivi i genitori segnalano l'assenza a scuola per motivi NON sanitari e certificano loro stessi il rientRO.

2) DANNI ALLA SALUTE FISICA DEI BAMBINI
I contagi da coronavirus aumentano di giorno in giorno in Italia ed ora è arrivata la notizia dei primi bambini positivi al virus. 
I pediatri e gli infettivologi di tutto il mondo hanno dichiarato più volte che i bambini sono più resistenti alla malattia. 
I dati della Cina hanno rivelato 0 (zero) casi gravi o morti in età inferiori ai 10 anni euna bassa  letalità tra i 10 e i 19 anni e resta stabile fino ai 39 anni. Ad oggi è stato segnalato solo un caso critico di un ragazzo di 15 anni (vedere tabelle e questa pubblicazione: https://jamanetwork.com/journals/jama/fullarticle/2762130?fbclid=IwAR1A4bJYR1nBb0Vcr9tF7pV1eHzehlL0qi3BhYTrO2qot36MDe1O9TaieSE&alert=article )

3) DANNI ALLA SALUTE MENTALE E ALL'EQUILIBRIO DEI BAMBINI
Deriva soprattutto da come facciamo vivere noi , ai nostri bambini la situazione. Evitate di drammatizzare e di far vedere talk show tenete conto. che anche i bambini soffrono di ansia e di depressione: 
Bisogna spiegare ai bambini (in modo adeguato al grado di comprensione e alla maturità emotiva di ciascun soggetto) ciò che sta avvenendo intorno a loro. EVITATE DI FARLI ASSISTERE A TALK SHOW TELEVISIVI E A TG MA spiegate con calma  in quanto non ricevere spiegazioni dagli adulti, o delegare a informazioni che assimilano in modo indiretto da altri o dai media,, in un contesto di tensione ben percepibile rischia  di generare un'ansia ancora maggiore rispetto a quella che può generare una consapevolezza ben gestita.  
PREVENZIONE E TERAPIA per i bambini: spiegare E SPEGNERE LA TV
PREVENZIONE E TERAPIA PER TUTTI: Spegnere la TV e non leggere tutto quello che viene scritto
Chiedere informazioni al proprio medico di persona, o se utilizza, via telefono, mail, social whatsapp

Dott. Alberto Ferrando
Pediatra


Ciao
Alberto Ferrando






lunedì 24 febbraio 2020

COVID19: Quali sono i pericoli per la salute infantile? Come evitarli?

COVID19 Quali sono i pericoli per la salute infantile?Nelle foto mortalità giornaliera in Italia per incidenti e tumori

1) Ansia e depressione: Bisogna spiegare ai bambini (in modo adeguato al grado di comprensione e alla maturità emotiva di ciascun soggetto) ciò che sta avvenendo intorno a loroEVITATE DI FARLI ASSISTERE A TALK SHOW TELEVISIVI E A TG MA spiegate con calma  in quanto non ricevere spiegazioni dagli adulti, o delegare a informazioni che assimilano in modo indiretto da altri o dai media,, in un contesto di tensione ben percepibile rischia  di generare un'ansia ancora maggiore rispetto a quella che può generare una consapevolezza ben gestita.  

2) Polmoniti e broncopolmoniti: i virus appartenenti alla famiglia dei coronavirus (di cui fa parte il COVID19) sono responsabili di circa 1/5 delle polmoniti virali, A rischio sono soprattutto i neonati e i bambini sotto i 2 anni di età, a causa della fisiologica immaturità del sistema immunitario. I bambini immunodepressi sono esposti a un rischio particolarmente elevato e gli anziani

Tuttavia, nell'epidemia di Covid-19 in corso si rileva un numero di infezioni tra i bambini e i ragazzi di gran lunga inferiore rispetto a quanto avviene in altri contesti epidemici. Anche a Wuhan, epicentro dell'epidemia, non si è ancora registrato un solo decesso tra i bambini sotto i 10 anni, e anche i casi di contagio in questa fascia di età sono sorprendentemente rari

PREVENZIONE E TERAPIA per i bambini: spiegare E SPEGNERE LA TV

PREVENZIONE E TERAPIA PER TUTTI: Spegnere la TV e non leggere tutto quello che viene scritto

Chiedere informazioni al proprio medico di persona, o se utilizza, via telefono, mail, social whatsapp

Altri consigli qui: https://ferrandoalberto.blogspot.com/2020/02/consigli-oper-il-coronavirus.html


















sabato 22 febbraio 2020

CONSIGLI (NON SOLO) PER IL CORONAVIRUS

CONSIGLI (NON SOLO) PER IL CORONAVIRUS
Molti mi chiedono consigli in quanto preoccupati per i casi di coronavirus giunti anche in Italia.
Leggiamo purtroppo di tutto e il contrario di tutto. Gli esperti non sono d'accordo tra loro, i politici chiedono interventi differenti, si tenta di politicizzare la cosa, le misure scelte dal Governo...ne parleremo poi ma la Regia non è stata per niente delle migliori.....ma di questo parleremo in altra occasione: la salute non è stata messa in primo piano, penso...
Per qualche "click" in più ognuno dice la sua.
I media fanno a gara ad alimentare ansia e paure (vedete un esempio)
Cosa fare?
Qui sotto i dieci comportamenti del Ministero. (ALCUNI DI QUESTI, DA ANNI, ripetiamo di FARE QUOTIDIANAMENTE ) lavaggio delle mani, evitare luoghi chiusi e sovraffollati, starnutire e tossire nell'incavo del braccio ecc.
In caso di disturbi (febbre e tosse) NON ANDATE AL PRONTO SOCCORSO.
IN CASO DI DISTURBI A SEGUITO DI RITORNO DALLA CINA O DA PAESI A RISCHIO O DI CONTATTO CON PERSONE AFFETTE DA CORONAVIRUS TELEFONATE AL 112
Oltre a questi consigli ve ne fornisco altri per la tutela del vostro benessere psicofisico e quello dei vostri bambini sui quali le conseguenze di questo terrorismo di massa rischiano di avere conseguenze negative anche nei prossimi anni.,
Climi di paura, incertezza, ansia e dubbi fanno male a ìtutti e soprattutto AI bambini.
Come si forniscono le notizie a volte fa più male del contenuto delle notizie stesse: "Le parole fanno più male delle botte" (ultime parole, prima di suicidarsi, di una giovane adolescente, Carolina Picchio, a seguito di cyberbullismo):
1) Non più di un TG al giorno. Quotidiani: saltate le prime pagine.
2) TV (per voi e per i bambini) cambiate canale e guardate documentari, cartoni animati o film. Al limite serie televisive
3) Ci sono tanti argomenti di cui discutere oltre al coronavirus
4) Preoccupatevi di porre attenzione quando attraversate la strada o guidate (9 morti al giorno in Italia da traffico, altro che coronarovirus, 1 soffocato da cibo ogni 1-2 settimane..)
5) Nutrite la mente, vostra e dei vostri figli, con la lettura e la musica : crescendo si ricorderanno di questo
6) Uscite all'aria aperta e staccate un pò il cellulare e i notiziari
7) Privilegiate gite a piedi a  ore passate in auto
8) Mangiate e fate mangiare bene cibi semplici privilegiando frutta, verdura, cereali e bevendo acqua e non "paciughi"
9) Assicurate ai vostri bambini e assicuratevi un numero di ore di sonno adeguate
10) Vi aspetto domani alla Conferenza a Palazzo Ducale "Star bene non significa solo non essere malati" alle ore 16 Sala del Maggior Consiglio ove parleremo di salute dei bambini...e vostra