sabato 3 dicembre 2016

SPIEGAZIONI SULLA MENINGITE: casi, tipi, prevenzione, vaccini

 SPIEGAZIONI SULLA MENINGITE: casi, tipi, prevenzione, vaccini
I casi di meningite a Milano hanno aggiunto ansia e preoccupazione ai casi avvenuti in Toscana soprattutto nella cosiddetta “Valle dell’Arno” (tra Firenze, Prato, Pistoia ed Empoli).
Il numero di casi non sarebbe tale da indicare una vaccinazione di massa in quanto le attuali raccomandazioni internazionali indicano la opportunità di vaccinazione quando l’incidenza è superiore a 10 casi per 100.000 abitanti, nell’arco di tre mesi in una determinata regione.
L’amplificazione mediatica non deve portare a fenomeni d’isteria collettiva ma a una  corretta e diffusa informazione. E per la protezione del singolo, e della società, la vaccinazione, a tutt’oggi, rappresenta, la forma di prevenzione per eccellenza. Anche se corretti stili di vita riducono il rischio di malattia (vita all’aria aperta e non in locali al chiuso, corretta igiene e alimentazione e attività fisica oltre alla astensione da alcol e sostanze quali farmaci e droghe di vario tipo).
Esistono vari tipi di meningite, molte prevenibili con la vaccinazione: vedi articolo qui: https://ferrandoalberto.blogspot.it/2015/08/menigite-quali-vaccini-cosa-fare-se.html
I casi recenti di Milano, per cui è necessaria la profilassi , sono causati dal meningocco ( Neisseria meningitidis) , che si trova frequentemente nelle prime vie respiratorie (dal 2 al 30% dei bambini e dal 5-10% degli adulti sono portatori di ceppi di meningococco), responsabile di circa il 25% di tutti i casi di meningite batterica e del più del 60% dei casi osservati nei bambini sotto i cinque anni, in particolare nei bambini con meno di un anno di età e nei giovani con età tra i 2 e 21 anni.
Esistono 13 diversi sierogruppi di meningococco, ma solo 6  (A, B, C, X,  Y e W-135) sono responsabili di gravi quadri patologici, spesso anche mortali, se non trattati tempestivamente. I sierogruppi che circolano più di frequente in Italia e in Europa sono B e C, negli Stati Uniti si trovano anche W135 e Y (casi anche in Italia).
La meningite avviene più frequentemente nella stagione invernale e all’inizio della primavera, ma  casi sporadici si verificano durante tutto l’anno.

INCIDENZA:
Interessa soprattutto lafascia di età da 0-4 anni e in particolare il primo anno di vita. L’incidenza si mantiene elevata fino alla fascia 15-24 anni per poi dimezzarsi dai 25 anni in poi.
Si segnalano circa 200 casi (probabilmente i casi reali sono molti di più) all’anno, pari a 3 casi ogni 1.000.000 abitanti, rispetto ad una media europea di 14/1.000.000.
Avviene che i casi di meningite si presentino in focolai epidemici in una alcune zone, come sta in Toscana.

MENINGOCOCCO IN TOSCANA
IL MENINGOCOCCO  più frequente è stato il tipo C. In tutti i casi, si tratta di una variante aggressiva del batterio chiamata C St11 identificato in Francia nel 2008 che in Toscana sta manifestando una circolazione anomala. Questo ceppo è in grado di determinare infezioni disseminate (sepsi) con una letalità pari al 40%.

CHI INTERESSA:
La meningite in Toscana ha colpito persone di età superiore ai 50 anni considerati non a rischio e comunque non per il meningococco.  Forse perché è una fascia di età meno “vaccinata” rispetto ai bambini e adolescenti?
L’epidemia inoltre si sta protraendo più a lungo, coinvolgendo anche persone che non hanno niente in comune tra loro, in un periodo non particolarmente freddo come avviene invece con questo tipo di meningite.
La Regione Toscana ha dato il via libera ad una campagna di vaccinazione contro il meningococco C  gratuita per tutti i cittadini tra i 20 e i 45 anni e agli over 45 che vivono nelle province di Firenze, Empoli, Prato e Pistoia.

COME SI TRASMETTE:
Solitamente il batterio si trova in gola nel 10-20% delle persone senza dare sintomi e solo raramente causa la malattia, (più frequente  in presenza di fattori predisponenti, come la mancanza della milza o deficit immunitari). Il germe resiste pochissimo nell’ambiente esterno (luce solare, essicamento) ed ai comuni disinfettanti. La trasmissione avviene per contagio interumano diretto attraverso la via respiratoria (goccioline di saliva) e il periodo di incubazione è di 1-10 giorni.
Per contrarre la meningite meningococcica bisogna avere contatti stretti con una persona malata, oppure, più frequentemente, con il portatore sano, ovvero che alberga il meningococco nel faringe, anche se questo rischio è piuttosto contenuto.
Il contatto, oltre che essere prolungato (almeno 6 ore), deve avvenire in ambiente chiuso ed entro un metro di distanza.
Posti a rischio sono gli ambienti sovraffollati e soprattutto chiusi (discoteche, caserme, collegi, dormitori, prigioni, ecc).
Predispongono alla malattia anche le infezioni virali o batteriche delle vie aeree superiori, deficit permanente o transitorio del sistema immunitario, splenectomia.

COME SI MANIFESTA?
I sintomi della meningite meningococcica (forte cefalea, febbre, vomito cerebrale, rigidità nucale, fotofobia) non sono distinguibili da quelli delle meningiti causate da altri batteri (ad esempio pneumococco).
Nel 10- 20% dei casi può causare delle forme settiche con un decorso spesso  fulminante che, nonostante l’adeguata terapia, può portare al decesso in poche ore. La meningite meningococcica ha una mortalità del 10-15% (dovuta in genere a sepsi), e un rischio dell’11-19% di gravi complicanze, quali ritardo mentale, malattie del sistema nervoso, sordità, disturbi della sfera psico-affettiva.

I malati di meningite o altre forme gravi sono considerati contagiosi per circa 24 ore dall’inizio della terapia antibiotica specifica.

COSA FARE PER I CONTATTI
Per le persone venute a contatto stretto SI procede con la profilassi antibiotica entro le 24 ore o comunque non oltre le 48 dalla diagnosi del caso indice.
In particolare, devono essere e sottoposti a profilassi i conviventi del malato, chi ha dormito o mangiato a stretto contatto nella stessa casa, chi ha avuto contatti con la sua saliva (baci con scambio di saliva, posate e spazzolini da denti condivisi con il malato), chi è stato vicino al malato in treno o in aereo o nel banco di scuola durante i 7-10 giorni prima della comparsa della  malattia.
PROFILASSI Raccomandata anche per i sanitari che sono stati direttamente esposti alle secrezioni respiratorie.
Al contrario, la chemioprofilassi non è raccomandata per i contatti a basso rischio, cioè chi non ha avuto diretto contatto con le secrezioni orali, o ha avuto un contatto esclusivamente con un contatto ad alto rischio (contatti dei contatti a rischio) , ma non con il caso indice.

PREVENZIONE E VACCINI
Unico rimedio è il vaccino monovalente (C) o quadrivalente (A, C, W135 e Y) efficace in oltre il 90% dei casi. Il vaccino non dà effetti collaterali di rilievo, se non, in alcuni casi, lieve dolore e gonfiore e indurimento in sede di iniezione, irritabilità, malessere generale, febbre di breve durata, che in genere si risolvono nel giro di pochi giorni. La tolleranza è quindi ottima.
Può essere effettuato anche in gravidanza.
Esiste anche un vaccino per il sierogruppo di tipo B..spiegazioni sul mio blog www.ferrandoalberto.blogspot.it
 (Tratto da  articolo del Prof. Carlo Contini, Università di Ferrara)

domenica 27 novembre 2016

Australia, sei morti a Melbourne per "asma da temporale": cosa è?

Australia, sei morti a Melbourne per "asma da temporale": cosa è?
L’asma da temporale è una situazione descritta da pochi anni dovuta probabilmente ai cambiamenti climatici.
In genere la pioggia riduce la concentrazione delle sostanze allergizzanti (pollini e muffe) ma se è intensa come un forte temporale, associato in genere ad un abbassamento della temperatura, può frammentarle rendendole più facili da essere imnalate e penetrare nelle vie respiratorie causando così attacchi di asma anche gravi (caso più recente: 6 morti in Australia):  http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Australia-Melbourne-asma-temporale-sei-morti-9d45ce32-573f-437c-ae83-994ed1edef11.html
E’ stato notato un aumento dei ricoveri da asma, spesso gravi, fra soggetti affetti asma e/o rinite allergica nelle ore successive a un temporale.
L’asma da temporale insorge nei soggetti anche in base della stagione in cui i temporali si verificano. Ogni polline ha il suo picco di concentrazione a seconda della stagione dell’anno: se il temporale si verifica quando la concentrazione allergenica è al suo massimo gli effetti possono essere molto più importanti.
Episodi di asma dopo i temporali si sono verificati, sia in adulti che in bambini, in modo quasi epidemico, a Londra, in Australia e Napoli, in presenza di elevate concentrazione di pollini di Graminacee o Parietaria.
COSA FARE?
Tenersi  aggiornati sulla concentrazione allergenica ed evitare di uscire durante o subito dopo i temporali.
Non sospendere mai la terapia in atto anzi, al primo accenno di asma, intensificare la terapia consigliata dal proprio medico o dal centro di riferimento e seguire le isruzioni date.

Non dimenticarsi mai di portare il farmaco con sé.

venerdì 25 novembre 2016

Scoperta una causa della SIDS: ma sempre valide le regole per la nanna

Scoperta una causa della SIDS: ma sempre valide le regole per la nanna
Cari genitori
Sono apparse notizie  della individuazione della causa da parte della SIDS da parte di studiosi della carenza di una proteina,  la oressina. Questo potrebbe spiegare una delle cause della sids ma non tutti i neonati che sono morti a causa della sids hanno livelli bassi di questa proteina.
E’  stato inoltre riscontrata anche una minore concentrazione di un neurotrasmettitore: la serotonina.  In attesa di conferme gli studi dovranno proseguire ancora anche  sulla ricerca di un marcatore genetico (che potrebbe dare una risposta ai genitori che non si danno pace per una morte improvvisa e inspiegabile) rimangono invariate le linee guida che permettono di ridurre il rischio di morte in culla a partire dalla posizione del sonno: il neonato deve sempre dormire a pancia in su e seguire queste regole di “nanna sicura”: https://ferrandoalberto.blogspot.it/2014/06/nanna-sicura-e-consigli-su-lettino.html

giovedì 24 novembre 2016

VIOLENZA E NON SOLO: SI EDUCA CON L'ESEMPIO

VIOLENZA E NON SOLO: SI EDUCA CON L'ESEMPIO:
Dedicate 1 minuto guardare questo filmato che faccio vedere nei corsi antisoffocamento: i bambini imparano dall'esempio: a mangiare,a comportarsi anche le cose negative come la violenza:  i bambini vedono, i bambini fanno.
Anche la violenza si apprende sia quella subdola e dannosa psicologica che quella fisica.
video