domenica 8 maggio 2016

RAGAZZA SALVATA, CALCIATORE MORTO. ma non chiamiamola fatalità

RAGAZZA SALVATA, CALCIATORE MORTO. ma non chiamiamola fatalità
Cari genitori
Ricordate che il primo 118 quando uno si sente male è colui che gli sta vicino. La chiamata al 118 va fatta e nel frattempo sideree fare qualcosa per la persona. Infatti l'arrivo, per quanto tempestivo del 118, sarà sempre tardivoper certe situazioni come il soffocamento da corpo estraneo e l'arresto cardiaco. Nel primo caso una semplice manovra consente di salvare una persona, nel secondo caso il massaggio cardiaco e il defibrillatore possono fare "resuscitare" una persona che, senza soccorso, immediato morirà o avrà lesioni cerebrali permanenti.
Trovate qui i poste per le manovre e due filmati: In uno una ragazze viene resuscitata, nell'altra,a Bucarest, assistiamo alla non assistenza ad un giocatore che morirà.
PER SALVARE QUALCUNO NON BISOGNA ESSERE EROI NE' MEDICI: OGNUNO PUO' IMPARARE E SALVARE...o essere salvato se chi è vicino a lui sa fare queste manovre.
Consiglio di guardare e di riflettere...anche ai politici che hanno rinviato l'obbligo del defibrillatore nelle attività sportive :-(
Ecco la ragazza salvata grazie all'intervento a scuola:
video
QUI IL CALCIATORE
Al TG oggi parlavano di tragica fatalità: di tragedia tanto di fato no!!!!
AVESSERO FATTO RIANIMAZIONE E DEFIBRILLAZIONE SUBITO???
26 anni MUORE ia Bucarest calciatore. Nei primi 2 minuti non si vede nessuno che faccia la rianimazione cardiopolmonare né appare un defibrillatore. La caduta sembra caratteristica dell'arresto cardiaco. Sarà l'autopsia a dire cosa è successo ma, a caldo, mi chiedo perché non è stato fatto un intervento sul campo?? Immagini del filmato "forti" Emoticon frown RIP. 

video

QUI I POSTER PER LA DISOSTRUZIONE:




Nessun commento:

Posta un commento