venerdì 29 aprile 2016

COME FARSI OBBEDIRE DAI BAMBINI: “URLARE NON SERVE A NULLA”

COME FARSI OBBEDIRE DAI BAMBINI: “URLARE NON SERVE A NULLA”
Frase tratta da un libro che consiglio di Daniele Novara nel suo libro “Urlare non serve a nulla” (di cui consiglio la lettura) Trovate la recensione sul sito www.ferrandoalberto.it in recensione libri fatta dalla dott.ssa Chiara Evelli, Educatrice, Pedagogista, Maestra scuola dell'Infanzia.
L’educazione dei bambini era una volta autoritaria, fatta di comandi e non di regole, di punizioni corporali.
Si è visto che la violenza fisica ma anche, e soprattutto psichica, mortifica i bambini ed i ragazzi: "Il bambino a cui abbiamo urlato , che abbiamo sgridato, strattonato, l'adolescente sminuito , umiliato , acquisisce un senso di sè svalutato. Svilupperà un'autostima molto bassa ,  che   lo farà stare male e che comprometterà quel rapporto idilliaco che i genitori vorrebbero tanto avere con lui e che probabilmente non riescono ad avere proprio perchè manca loro qualcosa".
Oggi abbiamo troppi genitori che danno troppo, dal punto di vista materiale ed emotivo , l'ACCUDIMENTO PREVALE SULL'EDUCAZIONE ".
Non solo: ruolo del padre che è cambiato , non è più colui che da  le regole , ma è diventato una sorta di mammo , mentre l'accudimento    del piccolo dovrebbe essere quasi esclusivo della mamma e il papà dovrebbe facilitarne il compito: aiutarla, supportarla e difenderla dagli attacchi che spesso esterni e anche parenti fanno (LEGGETE LA MAMMA HA SEMPRE RAGIONE in www.ferrandoalberto.blogspot.it)
Occorre distinguere tra regole e comando.
Il comando è : " Stai seduto a tavola !", la regola è " A tavola si mangia seduti ".
La poca fermezza dei genitori , contribuisca a creare dei bambini tirannici. I genitori “elicottero” o “spazzaneve” che controllano o spianano la strada impediscono al bambino di sperimentare le frustrazioni e le negatività che aiutano a crescere e formano il carattere e la capacità di reagire alle avversità che incontreranno nella vita. Tutti le incontrano ma la capacità di reagire dipende anche dalle esperienze passate (vedi resilienza).
Un bambino per crescere  sano  ed equilibrato , ha bisogno di regole precise , che inquadrino   il suo spazio ed il suo tempo , all'interno dei quali potra' vivere in   totale liberta ' e sicurezza .
Novara elenca gli errori da evitare e che rendono un bambino tirannico. .
1) La prima cosa da evitare è  “fare per loro” (ad esempio i compiti) . Non bisogna fare quello che il bambino è in grado di fare in maniera autonoma.
2) Non bisogna anticipare i suoi desideri. I bambini di oggi non hanno nemmeno il tempo di desiderare qualcosa, che i genitori li anticipano gia '. Spesso. le mamme che prendono i figli da scuola , si offrono subito di comprare loro qualcosa,    e temono , spesso, che i figli rimangano indietro rispetto agli altri.
3) Un atro fattore esagerato e ' il discussionismo.  Si chiede ai bambini cosa fare giustificandosi dicendo che i genitori ed i nonni non parlavano con noi.
4) Un altro errore da evitare consiste nella continua assistenza,   trasformandosi in maggiordomi, pronti a sevirli in tutto.
Questo succede , non solo dal punto di vista materiale , ma , anche linguistico, non permettendo ai propri figli molto spesso di rispondere da soli e inibendo la loro necessità di
esprimersi.
5) Un grosso sbaglio e' quello di delegare le decisioni ai bambini. "Vuoi un fratelino o una sorellina ?"  , "Come lo vorresti ", "Vuoi la cotoletta o l'hamburger?".
Poi arriva la sorellina e magari dicono che non la vogliono più.
Che caratteristiche debbono avere le regole?
·      Prima di tutto ci deve essere coesione.  I genitori devono essere uniti nel dare le stesse regole.
·      Occorre chiarezza. La regola deve essere semplice e chiara.
·      Deve essere realistica e adeguata all' età.
·      Il bambino deve essere in grado di eseguirla.
·      Un altro elemento è la sostenibilità.  (esempi:  "vai a giocare, ma non sporcarti ", "Corri, ma non sudare."). Tutto questo crea confusione.
·      Ragionevolezza. Prima di dare una regola è giusto  chiedersi se quello che si pretende è per il bene del figlio o    è dettato da altro.

Altri spunti di riflessione
Tra genitori e figli si instaura a volte  un rapporto, basato , soprattutto, sulla confidenza e sul volere essere amici" per forza ", dimenticando , che i figli hanno bisogno di regole per indirizzarli sulla strada giusta.
Bisogna lasciare litigare i bambini. Non bisogna inibirli. E' giusto che facciano l'esperienza del litigio , del confrontarsi con gli altri. Si sviluppa così la" capacità autoregolativa “: capacità di confrontarsi e negoziare con gli altri
Poi ci sono altre cose che non vorremmo che esistessero:
I bambini vivono gia' a 8 ,10 anni problemi, favoriti da una DROGA enorme che è la pubblicità  come
·      Depressione
·      Prepsicosi
·      Anoressia,
·      Precocita ' sessuale
·      Uso di sostanze come alcol,  pscicofarmaci e droghe.
Il tutto  perché sono continuamente bombardati da messaggi negativi ,  che vengono trasmessi , non solo dai media , ma anche da internet , da  facebook , ecc.
Quello che i genitori devono comprendere è che non si può risolvere tutto da solo, lasciandosi trasportare dall 'emotività e dall’amore , quando insorge un problema
Occorre riflettere , fermarsi a pensare prima di trovare una soluzione  al conflitto,
Molto importante è farsi aiutare da un'altra figura educativa : il pediatra o una pedagogista o altra figura di riferimento. Prendendo un appuntamento dedicato senza il bambino almeno la prima volta.
Il conflitto va risolto con calma, con l’aiuto di una figura estrena preparata, e dandosi del tempo , per permetterci di capire cosa succede davvero ai nostri figli e senza pretendere di trovare una soluzione immediata.
"Far domande , cercare di osservare , di comprendere le profonde ragioni di quello che sta accadendo a noi e ai nostri figli è molto più efficace che pretendere di conoscerli fino in fondo e di essere in perenne sintonia con loro”.

Come reagire?? Prossima puntata.....



1 commento:

  1. Grazie dottore g puoi consigli sono sempre preziosi.

    RispondiElimina